Realizzazioni

nuova-003.gif

I LEGUMI

Fagioli, lenticchie, soia, ceci, cicerchie, fagiolini, fave, lupini, piselli : sono  talmente tanti che è impossibile trovare qualcuno a cui non piacciano.



 I legumi rappresentano nella nostra alimentazione una fonte importante di proteine.  L’associazione  di queste ultime con i  cereali rappresenta ormai in  tutto il mondo, una  buona fonte proteica  importante per il nostro  organismo, per questo  motivo sono diventati rinomati pietanze  preparate
a base di legumi  associata a riso e  alla pasta.
I legumi  contengono anche una discreta quantità  di sali minerali,  soprattutto è rilevata una  quantità maggiore di potassio.  Anche  se poi  però in cottura, quasi tutta  la sua  quantità è soggetta a  distruzione.
I legumi hanno un forte potere saziante,  infatti, quando si  prepara un piatto a base di legumi, si  parla di piatto unico, poiché i  legumi per le loro  caratteristiche procurano all’interno del nostro  organismo la sensazione di  pienezza.
Spesso  quando si è soggetti a regimi alimentari  diatetici, i legumi sono sempre inseriti nell’alimentazione  dietetica, perché oltre ad  avere un gran potere energizzante,  sono al contempo poveri  di  grassi.
Inoltre  contengono una notevole quantità  di fibre, importanti soprattutto  se sei sotto un tipo   di alimentazione particolarmente ristretta , in cui l’apporto  di fibre  diventa essenziale per il corretto  funzionamento del nostro  intestino.
Inoltre  sono indicati oltre che  a  combattere la stitichezza, anche il  diabete, e l’obesità, e  agiscono come elementi preventivi contro  alcune forme tumorali maligne  dell’intestino, perché hanno  appunto potere di purificazione di quest’ultimo,  oltre a contrastare situazioni  di disagio provocate dalla  calcolosi della cistifellea.
Importanti  fornitori di calcio, sono prescritti  e indicati dai nutrizionisti  alle donne che si  affacciano alla menopausa, per contrastare  l’osteoporosi. Sono  importanti anche per l’apporto di  vitamine  B1 e  ferro.
Un effetto  mal tollerato dai consumatori , sono gli eventuali  problemi di flatulenza, che  si può verificare in soggetti  particolarmente sensibili. Questo è dovuto  perché i legumi contengono  gli  oligosaccaridi, che se non  vengono attaccati dagli enzimi del sistema  digerente, fermentando con la flora  batterica presente  nell’intestino formano idrogeno, anidride  carbonica e metano.
Questo  meccanismo innesca la  flatulenza con gravi sensazioni di gonfiore addominale.   Tuttavia è un effetto  collaterale che scompare  nel tempo con  il consumo regolare di  legumi.